Seleziona una pagina

Oggi… Festa.
Era da parecchio tempo che non mi dedicavo una giornata intera, finalmente riesco a rubare un pochino di tempo al mio B&B i Frutteti e mi lascio convincere da un amico a visitare il parco naturale di Migliarino.

Nonostante disti pochi chilometri dalla mia struttura, non sono mai riuscito ad andare a visitarlo.
Dune di sabbia, con grandi e rigogliose pinete, intervallate da acquitrini, una vera macchia mediterranea dal profumo di natura.

Conoscere e capire i delicati equilibri della natura, è proprio questo quello che trasmette il parco in tutta la sua maestosità.

Il mosaico di ambienti molto diversi tra loro mi fanno riscoprire l’antico sapore delle tradizioni, facendomi emozionare nel vedere tanta bellezza tutta insieme.

Mi immergo totalmente in quest’oasi naturale, un vero toccasana per mente e corpo.
Passeggio rapito, chiaccherando con Paolo, mio caro amico e osservando tutto ciò che circonda la zona.
E mentre attraversiamo una zona paludosa, incontriamo numerosi germani reali e parecchi trampolieri.

Ma la nostra attenzione viene rapita da eleganti fenicotteri rosa che attraversano indisturbati lo stagno, guardandoci con aria di sfida, come a farci capire che i padroni sono loro.

Attraversiamo un ponte in legno, tutto è talmente incontaminato che abbiamo anche timore a scattare fotografie, non vogliamo disturbare gli abitanti di questo paradiso.
Arriviamo ad un bivio e un cartello ci spiega come è stata bonificata l’area.

Un tempo paludosa e ricoperta di acquitrini, è stata colmata dai detriti trascinati a valle dai fiumi Serchio e Arno, successivamente prosciugata da interventi di bonifica iniziati sotto la famiglia Medici.

I detriti vennero successivamente risistemati e l’acqua in eccesso eliminata con sistemi di pompaggio.
Dopo queste brevi nozioni sulla zona, proseguiamo il nostro cammino commentando quanto appena letto.

Un daino, spaventato dai nostri passi, scappa via in maniera frettolosa.
Con Paolo ci guardiamo e una grossa risata nasce spontanea, ma le sorprese non sono finite, il rumore della nostra ilarità crea ancora scompiglio.

Nel giro di un attimo uno stormo di uccelli si alza in volo e, avvolti dalla natura, non osiamo più emettere alcun suono.

La giornata è quasi arrivata ad abbracciare il tramonto, ripercorriamo parte del percorso per raggiungere l’uscita.

Un ultimo sguardo al bosco, sono certo che non farò passare molto tempo prima di ritornare a immergermi in tutta questa bellezza.

Parco Naturale di Migliarino
Courtesy Tuscany People

Parco Naturale di Migliarino